Verticalizzazioni standard

CMDBuild READY2USE Logo

Applicazione già configurata per la gestione dell’IT Governance, ITIL compliant


openMAINT Logo

Applicazione già configurata per la gestione di proprietà immobiliari e della loro manutenzione

News

Tutte le novità sul progetto CMDBuild

CMDBuild READY2USE 2.0 e openMAINT 2.0 31 luglio

31-07-2019 - Rilasciate le versioni 2.0 delle verticalizzazioni CMDBuild READY2USE e openMAINT

Sono state rilasciate le nuove versioni CMDBuild READY2USE 2.0openMAINT 2.0.

Entrambe le applicazioni sono basate sul nuovo “core” CMDBuild 3.0, di cui ereditano la nuova grafica e di cui utilizzano il nuovo motore di workflow Tecnoteca RIVER.

In entrambe le applicazioni vengono introdotte le nuove soluzioni per arricchire l’interfaccia utente: menu contestuali, help online, controlli sui dati inseriti, evidenziazione dello stato e dell’azione nei processi, ecc.

CMDBuild READY2USE 2.0 include anche:

  • dashboard di controllo per gli operatori del Service Desk;
  • gestione avanzata degli SLA per il controllo dei processi del Service Desk;
  • nuovo workflow di Problem Management;
  • estensione del processo di Asset Management (movimentazione asset) che sarà anche integrato con il processo di Request Fulfillment;
  • nuovo connettore con Amazon AWS per recuperare le informazioni aggiornate sulle configurazioni dei server utilizzati;
  • altre migliorie minori: gestione catalogo hardware, refactoring stampa etichette QR, vista con utilizzo e scadenza licenze, revisione di alcuni report.

openMAINT 2.0 include invece:

  • refactoring del modello dati per riavvicinarlo a quello di CMDBuild Ready2Use ed agevolare il porting di alcune funzionalità fra le due applicazioni;
  • dashboard di controllo per gli operatori che ricevono le segnalazioni di guasto;
  • gestione avanzata degli SLA per il controllo del processo di manutenzione a guasto;
  • revisione del flusso dell’Ordine di Lavoro della manutenzione preventiva, con gestione di checklist e aggiornamento automatico nel database della condizione degli asset coinvolti;
  • nuovi report dedicati alla manutenzione preventiva (dashboard di controllo, report con indicazioni grafiche, ecc).